Viaggi di Versi

La donna

Quanti supplizi
tollerati
nei secoli
memorie annerite
come cenere
d’ossa

Con coraggio
affrontaste
le pene
il ventre gonfio
custodia
di nuova vita.

L’uomo
uno stralcio
d’argilla
senza scopo
in attesa
di essere

La donna
il tornio
che smussa
che modella
che fa di lui
un vaso.

Siete sangue
siete terra
fiori sbocciati
in campi
di guerra.


All reserved Marco Secchi ©

Annunci

4 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...